Il blog

Questo blog parlerà di cose finanziarie. Il punto di vista sarà quello del privato risparmiatore. La ragione sta nel fatto che in Italia il risparmio dei privati è molto elevato, e, come spiego nella sezione info, è un argomento che conosco.

Non si tratta di una consulenza personalizzata, piuttosto una sorta di quaderno, con appunti di viaggio che spero siano accurati.

Naturalmente spero anche che siano utili per quelle persone che vogliono investire bene i loro risparmi.

Investire non significa leggere migliaia di notizie tutti i giorni, e provare decine di formule per trovare una sorta di “pietra filosofale” che scovi il titolo giusto al momento giusto.

Investire è un processo che parte dagli obiettivi che uno si pone e in pochi passaggi arriva a definire gli strumenti che servono per raggiungere tali obiettivi. Periodicamente non si deve far altro che verificare la coerenza tra obiettivi e strumenti.

Si tratterà di costruire un portafoglio un po’ “per tutte le stagioni” quindi un portafoglio “base”. Sia la costruzione che il mantenimento saranno spiegati passo per passo.

4 thoughts on “Il blog

  1. Piero il said:

    Ti ho seguito con grande interesse prima su investireoggi poi su finanzaonline.
    Non ci conosciamo di persona, ma devo dirti tutta la mia stima e gratitudine per quanto ho appreso dai tuoi interventi. Essi mi hanno aiutato a smascherare gli interessi personali (legittimi, bene inteso) di promotori finanziari, di gestori di fondi e di banche.
    Le tue osservazioni mi sono servite per ristrutturare il mio portafoglio, impostandolo sulla struttura del bond laddering. Non ho ancora finito perché ben 1/4 di esso è investito in 2 fondi da 4 anni e attendo solo che il rendimento arrivi a coprire l’inflazione del periodo, perché esca definitivamente da essi.
    Ti incoraggio a continuare su questo blog. E’ un servizio prezioso che rendi a molti.
    Grazie di cuore.

    • bragadin il said:

      Ti ringrazio per le parole di apprezzamento e di stima. Ti chiedo anche la cortesia, nei limiti del possibile, di segnalare a quante più persone questo blog.
      Grazie.

  2. FANTASIUSMAN il said:

    molto interessante questo tuo blog ci sono finito tramite investireoggi, mi sto addendrando nel settore da poco tempo e sto cercando di capirci di piu , mi sembra che gli etf siano il mio caso bassi costi e buoni rendimenti, vorrei aiutare mia madre a gestire meglio dei soldi di buona uscita pensione messi in parte.i rendimenti dei conti deposito il piu decente che ho trovato e 2% lordo. vorrei dei consigli anche tuoi su come iniziare e cosa leggere. e un consiglio su piattaforme con bassi costi chiedendo in giro molti mi consigliano fineco. puoi darmi qualche dritta su come iniziare col piede giusto. Grazie tanto. Saluti . Giuseppe

    • bragadin il said:

      Ti ringrazio per le parole di apprezzamento.
      Rispondo (in ordine sparso) alle tue domande.
      È vero che gli etf hanno costi bassi, ma attenzione a non confondere i rendimenti passati con quelli attesi.
      Per diversi motivi non seguo i conti di deposito, il principale dei quali è che, per lo più, si tratta di promozioni limitate che servono alle banche per attirare nuova clientela. Questo non esclude che possano andar bene in determinati casi. Tieni conto che, al momento, offrire il 2% vuol dire lavorare in perdita.
      Cosa leggere? Difficile dare consigli, le varie sezioni “educational” dei siti di banche e affini sono, per così dire, orientate ad acquisire clientela, con tutti i lati, anche negativi, del caso. Esempio: tra due soluzioni la proposta sarà probabilmente quella che fa guadagnare di più la banca.
      (Soluzione: leggi il mio blog, e fallo conoscere in giro…)
      Come piattaforma fineco può andar bene come possono andare bene anche altre piattaforme di altre banche. Tieni conto che il risparmio, più che dai bassi costi della piattaforma, deriva dal numero di operazioni che si fanno. Se hai letto i miei post avrai notato che sul portafoglio modello, da novembre scorso ad oggi, le operazioni sono state solo due (escluse le operazioni iniziali).
      Grazie di nuovo, e segui il blog…

Lascia un commento


*